Le sfide dell’Occidente, le possibilità dell’Italia

Guerra ibrida, immigrazione e dissoluzione: Una commistione di sfide e minacce dalle radici antiche e dalle nuovissime forme metteranno a dura prova il Vecchio continente nei prossimi dieci lunghi anni.

Le sorti della nostra civiltà, della quale il nostro continente è stato culla e crocevia, saranno ancora una volta messe alla prova in quello che potrebbe tornare ad essere un nuovo assetto bipolare del pianeta. In virtù delle nuove tensioni causate dai mutamenti geopolitici in Asia e Medio Oriente – da sempre ‘carburante’ e ‘innesco’ per conflitti e nuove geometrie economiche – e delle vecchie e nuove brame dei due grandi poli, USA e Russia, potremmo presto vedere l’Europa- che comprende 4 paesi del G7, 24 membri NATO (di cui 22 anche membri dell’EU) e 2 potenze nucleari – impegnata a fare quadrato per il mantenimento dello status quo, o ‘dissolta’ in virtù di ragion di Stato, vecchi antagonismi e nazionalismi inconciliabili:rispolverati dal diffuso malcontento in quella classe media che ovunque ha perso potere d’acquisto con pesanti ripercussioni sulla ‘qualità della vita’ insieme alla fiducia nelle istituzioni sovranazionali. L’Europa, ai minimi storici della sua coesione e crivellata al cuore dagli attentati nel nome del Jihad, rischia di spezzare i propri equilibri proprio a causa di un agente esterno: i flussi migratori che ovunque dividono i suoi cittadini tra fautori dell’accoglienza e fermi sostenitori del rigetto. Sullo sfondo della ‘Guerra al terrorismo’, che si gioca nei remoti avamposti orientali, cyber warfeare e guerre economiche sono in corso all’interno dei nostri confini, e il rischio che il nostro sistema economico o politico venga minacciato da operazioni di hackeraggio e speculazioni sistematiche si fa sempre più reale. L’unica risposta, in seno alla ragionevolezza, è la ricerca di una nuova strategia comune.

In questa tempesta perfetta l’Italia potrebbe avere un ruolo importante quale promotrice di nuove idee e tecnologie per disinnescare tutte queste minacce. Una lega di think tank potrebbero elaborare nuove soluzioni per massimizzare l’efficenza nel riconoscimento d’asilo e per facilitare l’espulsione dei soggetti privi dei requisiti previsti: disinnescando le tensioni che derivano dalla crisi migratoria e fungendo da guida per le altre nazioni. Il governo potrebbe aumentare gli investimenti nelle aziende impegnate nel settore della tecnologia, spronandole a concentrare i propri sforzi nel campo della cyber sicurezza da condividere poi con il resto dell’EU. Un’Europa più protetta si dimostrerebbe un Europa più coesa, capace di reagire alle minacce e pronta a trovare un nuovo slancio. Ruolo importante per tenere aggiornata la sempre più fondamentale opinione pubblica riguardo minacce e soluzioni da sempre spetta all’informazione – altro settore che vive un grave calo di fiducia con connesso calo di audience – nuove piattaforme: giovani, autorevoli, e slegate dagli interessi dei grandi editori, potrebbero dunque rivelarsi provvidenziali nella missione che potremmo chiamare ‘Domani’.

D.B.

cyberwarpart1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...