Lacrime di naftalina, sharpnel di libertà

Nei quartieri alti, dove si hanno sistemate le più belle più menti, beneficenza e spreco vanno spesso di pari passo. La misericordia dell’egoismo si nasconde nelle tasche dei vestiti smessi da donare ai poveretti. Profumano di naftalina. Poveretti. Dormono sugli scalini delle chiese, poveretti, avvolti negli abiti griffati di ieri: oggi di naftalina non sanno più. Meno male.

Nei ristoranti etnici e distanti, il razzismo si taccia in boccone strambo e speziato: quello che la filippina indo-rumena non riesce proprio a preparare. “Ma hai visto? Il cameriere è frocio.” Mmmmh che buono l’humus.. Sa di shrapnel e libertà.

Nei quartieri bassi, dietro quel rinomato ristorante cambogiano, chi non possiede la cultura necessaria scalpita: vorrebbe la testa dei negri, vorrebbe la testa dei ricchi, vorrebbe togliere i diritti ai froci, vorrebbe qualcosa che ancora non sa’: la televisione non glielo ha ancora mostrato; c’è la partita adesso.

È sabato nel villaggio, e un uomo scodinzola per le strade del centro con i soldi del padrone: l’ipocrita che vorrebbe essere, ma per nascita senza beneficio di fortuna non è. Le cicogne tirano a sorte, non lo sai? – “Guarda che bello questo paltò, me l’ha regalato la signora” – dice la donna delle pulizie che ha conosciuto su una chat-room dove entra solo la notte, quando la moglie dorme, stanca dal turno nel quale si attarda – “A lei non entra più”. Ride sguaiata. Le manca un dente.

Sono arrivati davanti a un palazzo sontuoso, nei quartieri alti, all’ombra di vecchi salici piangenti. Un portone si apre. Una bambina di dodici anni corre con uno zaino chiuso in fretta; è bagnato dalle lacrime in fuga. Vuole scappare da qui. Non vuole andare dalle suore a fare beneficenza. Vuole danzare come una zingara, vuole vestirsi come una hippy, vuole baciare una donna, vuole scoppiare nella vita: lacerare il suo destino con shrapnel di libertà.

Tornerà.

D.B.

minimal

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...