Il giovane Falk

« A lui che già si era impossessato di tutto l’essenziale, che già tutto aveva conosciuto e disprezzato, che cosa poteva ancora offrire la penetrazione dei corpi? Era come tutto il piacere e tutto lo strazio concentrati in un solo secondo. Era odio e amore, promessa e riconoscimento, inganno e autoinganno, ascesa e e caduta incarnati in un atto che toglieva il respiro. Era l’animalesco da cui tutto scaturisce e in cui tutto poi torna a sfociare. Il resto era disgustoso (…) Seguivano ore in cui rideva del fatto di cercare in tante donne l’unica ed eterna. »

Ernest Jünger, tratto da Il tenente Sturm

ernst_junger_by_datface-d4vtvcw

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...